Rome Business School accoglie aziende e istituzioni top – tra cui Jaguar, Sky Italia e Starbucks – nel suo Corporate Advisory Board (CAB)

Al via il primo meeting il 14 maggio 2021 – del Corporate Advisory Board firmato Rome Business School.

Il CAB è un comitato di formazione composto da Leader, Manager e Professionisti di aree chiave del Business Nazionale ed Internazionale, volto alla creazione di sempre più avanzate strategie di formazione professionale di giovani talenti seguendo, i trend e le necessità dell’attuale mercato del lavoro. 

Attraverso il Corporate Advisory Boad, Rome Business School attiva un processo di aggiornamento continuo delle sue attività e dei suoi programmi, contando su numerose interazioni aziendali ed input forniti dai membri del comitato durante le annuali occasioni di incontro e confronto. Lo spirito di collaborazione tra realtà accademica e realtà manageriale del CAB è uno degli attori chiave del Quality Assurance Process, il processo di miglioramento continuo dell’offerta formativa di Rome Business School che attraverso vari attori, interazioni aziendali ed input che vengono forniti dai membri del comitato non solo durante l’evento annuale ma in tutte le occasioni di incontro e confronto con la scuola, in cui oltre 67 aziende, attive a livello globale e nazionale, garantiscono una formazione in grado di rispondere alle nuove sfide economiche ed ai continui cambiamenti del mercato del lavoro dovuti alla modernizzazione.

Le partnership istituite in 14 settori chiave del business del Corporate Advisory Board – tra cui finanza, marketing, general management, consulenza, energia, telecomunicazione, arte e cultura – assicurano agli studenti conoscenze e competenze immediatamente spendibili nel mondo del lavoro, contribuendo a generare un impatto positivo sulla crescita economica del Paese.

“Il rapporto con il mondo imprenditoriale e manageriale rappresenta per noi un elemento essenziale; per questo motivo abbiamo riunito, nel Corporate Advisory Board, Manager, Direttori, Professionisti e Rappresentanti delle maggiori istituzioni, aziende, organizzazioni ed imprese multinazionali” spiega Antonio Ragusa, Dean della Rome Business School, “Per accompagnare la Scuola nella definizione della migliore strategia al fine di assicurare un continuo miglioramento nella qualità e nell’innovazione della formazione manageriale”.

I suoi oltre 100.000 studenti di oltre 114 nazionalità sono guidati verso l’acquisizione di una preparazione d’eccellenza grazie a modelli aperti, flessibili e funzionali adatti a qualsiasi livello professionale.

“È necessario che i leader del futuro acquisiscano non solo competenze Core ma soprattutto competenze Soft”, il Comitato assicura dunque “un impatto reale sul curriculum dei master, sui progetti finali di capstone e sulle opportunità di recruitment degli studenti”.

Da alcuni anni è stata avviata, inoltre, una specifica divisione della Rome Business School dedicata alla formazione aziendale con percorsi e sessioni di diversa durata, tutti disegnati attorno alle esigenze specifiche della singola impresa. Rientra in questo quadro di impegno anche RBS Venture HUB, un programma integrato di consulenza, formazione sul campo, incubazione e mentorship di impresa attraverso il quale i 5 migliori progetti di Rome Business School avranno accesso ad un HUB di incubazione di 6 mesi e la collaborazione con partners come EAE, Lazio Innova, Banca Intesa, Business Angels, Venture Capital, Giffoni Innovation Hub.

Rome Business School vanta inoltre un ampio sistema di accreditamento – che consente di ottenere un doppio titolo accademico ed il riconoscimento di 60 crediti formativi ECTS grazie alla partnership con VIU, Universidad Internazionale de Valencia – e opera all’interno di un network di relazioni e scambi con diverse realtà di settore. Tra queste: EFMD, PRME ed ASFOR di cui è membro ufficiale; Rome Business School è inoltre accreditata da associazioni come European Council for Business Education, European Association for Distance Learning, Project Management Institute.