Il quick learning è diventato la nuova occupabilità

Occupabilità è sicuramente una parola che continuiamo a sentire e leggere più e più volte. Ma qual’è il suo vero significato? Cosa rende una persona veramente “occupabile”? Un’opinione largamente condivisa è che per essere occupabili devi assolutamente ricevere una buona istruzione, lavorare sodo ed essere cordiale e disponibile con i tuoi colleghi.

Tutto assolutamente veritiero ma bisogna considerare che nel 2020 l’occupabilità deve fare i conti con la tecnologia, il mondo digitale e una forte competizione di giovani talenti che sembrano essere sempre più qualificati.

Gli scenari lavorativi globali cambiano sempre più rapidamente e in modo imprevedibile, per questo motivo, essere ampiamente apprezzati sul mercato del lavoro non significa solo possedere tutte le competenze necessarie oggi, ma anche prepararsi ed anticipare tutte le caratteristiche che saranno richieste domani. Sembra che, in fondo, l’occupabilità sia tutta una questione di capacità di apprendere – e velocemente. Poiché le aziende e le industrie sono in repentino cambiamento, sapere come imparare cose nuove il più rapidamente possibile finirà per essere più importante dell’esperienza precedente.

Quindi, poniamo di nuovo la domanda. Cosa significa effettivamente la parola “occupabile”? Significa possedere hard skills, soft skills e consapevolezza commerciale. Ciò su cui dobbiamo concentrarci è il modo in cui acquisiamo effettivamente tali abilità e consapevolezza. Oggi dobbiamo accettare il fatto che l’apprendimento è diventato uno sforzo per tutta la vita e le nostre menti devono essere sempre pronte ad accettare nuove sfide, ad adattarsi a nuovi ambienti, requisiti, situazioni e difficoltà. Le interviste non sono più focalizzate solo sulla conoscenza delle proprie qualifiche e delle precedenti esperienze lavorative, ma anche e soprattutto sulla valutazione delle capacità di problem solving e della capacità di pensare al futuro, preparandosi per il livello successivo.

Tuttavia, competenze giuste, non scoraggiarti se continui a essere rifiutato, non significa che non sei occupabile. Siamo stati tutti in quella situazione, in cui sembra che non troveremo mai un lavoro. Dobbiamo essere pazienti e metodici nella nostra ricerca, anche creativi se necessario. La stragrande maggioranza dei lavori non viene quasi mai pubblicizzata, soprattutto nelle industrie creative. A volte potremmo dover creare i nostri ruoli, ma può anche essere eccitante.