Uno sguardo all’occupabilità

Analisi sul futuro dell’occupazione

Estratto dall’Employment Report 2021

Le competenze sono un elemento chiave per la competitività e l’occupabilità. Infatti, i cambiamenti strutturali come la globalizzazione ed il progresso tecnologico, richiedono competenze di alto livello, sempre più attinenti alle richieste del mercato del lavoro. Tali competenze sono necessarie per garantire la crescita della produttività e la disponibilità di posti di lavoro di qualità.

Il rapporto tra istruzione ed occupabilità è sempre stato intrecciato con la struttura sociale di ogni Paese ma diventa ancora più significativo in periodi di crisi, come quello che stiamo vivendo oggi.

I dati raccolti dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) hanno mostrato che durante la prima metà del 2020, la percentuale reale di disoccupazione è salita a una media del 6,6%, incorrendo in una perdita stimata di ore di lavoro equivalente a 495 milioni di posti di lavoro nella seconda trimestre del 2020. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) prevede che il tasso di disoccupazione raddoppierà entro la fine dell’anno.

Per queste e molte altre ragioni, diventa sempre più importante concentrarsi su competenze direttamente collegate alle esigenze del mercato del lavoro ed investire su un’istruzione di livello superiore e specializzato. Infatti, nell’attuale contesto di crisi, che si sta trasformando in una ricerca del “lavoro del futuro” e dell’innovazione tecnologica, l’istruzione post-laurea gioca sicuramente un ruolo predominante nella definizione del livello di occupabilità dei giovani professionisti.

Inoltre, vale la pena sottolineare come il contesto economico globale, inevitabilmente modellato dagli incerti scenari post-Covid, abbia radicalmente modificato, su scala mondiale, sia i livelli di occupabilità che le caratteristiche del mercato del lavoro. L’emergenza sanitaria Covid-19 ha accelerato inesorabilmente il futuro del lavoro. Milioni di lavoratori hanno subito profondi cambiamenti e trasformazioni nella loro vita, influenzando aspetti come il benessere e la produttività.

Da questo contest, emergono i seguenti punti focali:

  • Oggi, circa il 50% dei datori di lavoro riconosce che la maggior parte dei professionisti che raggiungono posizioni professionali di alto livello hanno completato un diploma post-laurea;
  • In alcuni settori, avere, ad esempio, un MBA garantisce quasi sempre il successo nell’accesso al mercato del lavoro;
  • Il possesso di un titolo di studio post-laurea è sempre più apprezzato. In generale, quasi il 40% delle offerte di lavoro manageriale richiede obbligatoriamente candidati con una laurea magistrale;
  • Per il lavoratore del futuro le soft skills conteranno quanto o addirittura più di una conoscenza specifica, anche perché molti dei compiti attuali saranno eseguiti dall’intelligenza artificiale. Pertanto, qualsiasi tipo di educazione impostata su questo tipo di competenze diventerà una scelta ovvia e quasi obbligata. L’obiettivo finale sarà quello di preparare i futuri professionisti a cogliere le nuove opportunità che si presentano sulla loro strada.

Che tipo di formazione è più richiesta in un ambiente di apprendimento permanente?

Le caratteristiche chiave della formazione moderna

In molte società ancora non sono state sfrtuttate appieno le opportunità offerte dalla globalizzazione. Queste stesse persone e comunità hanno evidenziato l’enorme divario digitale che sta creando discrepanze socio-economiche sempre più pronunciate nelle nuove generazioni. In Italia, uno dei problemi principali è il modello educativo ancora poco connesso al mondo del lavoro, ma non solo: la percentuale di abbandono scolastico superiore, la bassa qualità del livello di istruzione, l’insufficiente focalizzazione sulle materie STEM ed i pochi investimenti. Per il futuro, è essenziale concentrarsi su tre caratteristiche dell’istruzione moderna:

Formazione di base

Investire nell’istruzione di base significa concentrarsi su tutti gli aspetti che favoriscono la crescita di una personalità matura, capace di apprendere continuamente e di considerare il processo di studio come parte integrante della crescita professionale. In questo contesto, i datori di lavoro e, di conseguenza, gli headhunter devono pensare non solo alle caratteristiche a breve termine di uno specifico candidato, ma soprattutto a quali scelte, competenze e conoscenze, il capitale umano gli consentirà di sopravvivere nel medio-lungo periodo.

Educazione continua

Le aziende devono pensare all’istruzione non come una spesa da limitare o sostenere solo perché “richiesta dalla legge”, ma come una più importante linea di investimento strategico, finalizzata ad incrementare la competitività nell’ambiente di lavoro. Questo tipo di formazione deve essere continua e permanente. In questo senso, non bisogna concentrarsi solo sulla formazione universitaria, ma anche su ulteriori opportunità, come diplomi post-laurea, master o corsi di aggiornamento, attività di coaching e tutoraggio. Nella moderna concezione di “educazione del futuro” è necessario ripensare e rivedere il concetto stesso di apprendimento, individuandolo come elemento permanente di accompagnamento di una persona in ogni fase della sua vita.

Multidisciplinarietà di squadra e modello a “T”

La multidisciplinarietà non è da intendersi come “sapere un po ‘di tutto” ma questo concetto dovrebbe accompagnare il raggiungimento dell’eccellenza, combinando tutte le proprie competenze al fine di creare team multitasking, resilienti e preparati per affrontare efficacemente ogni tipo di sfida professionale. Per far sì che ciò accada, è necessario lavorare su percorsi educativi che spesso vengono chiamati “T”. In altre parole, questi modelli educativi si basano su una solida linea verticale che definisce la professionalità specifica della persona (ad esempio: Ingegnere IT, Specialista in Ortopedia, Enologo, Web Designer, ecc.), E su un’altra linea orizzontale che è quella che mette in contatto la singola persona con professionisti provenienti da realtà e culture diverse ampliando le proprie competenze attraverso multidisciplinarietà e multiculturalità. Caratteristica chiave di questa linea orizzontale sono le cosiddette “soft skills”, cioè le competenze trasversali essenziali per raggiungere l’eccellenza nell’ambiente professionale.