Trend delle startup per il 2022-2025 e tipologie di crowfunding

Rome Business School ha pubblicato lo studio “Il lavoro in Italia: le sfide di dipendenti, imprenditori e startupper. Criticità, opportunità e trend futuri”. I ricercatori, Giacomo Salvanelli Crime Analyst e imprenditore esperto di innovazione, e Valerio Mancini, Direttore del Centro di Ricerca di RBS, analizzano lo stato dell’occupazione e il precariato in Italia nel contesto post-pandemico, l’importanza di sviluppare nuove skill e competenze per il mondo del lavoro 2.0, e gli scenari, le sfide e le opportunità del mondo delle startup in Italia.

Gartner (2021), società per azioni multinazionale che si occupa di consulenza strategica, ricerca e analisi nel campo della tecnologia dell’informazione con oltre 15.000 clienti nel mondo, individua ogni anno una nuova serie di iniziative tecnologiche che si prevede saranno influenti nel nuovo anno. Di seguito una lista dei principali trend per il quadriennio 2022-2025:

  • Servizi per imprese “diffuse” – Gamification e tecnologie per lo Smart working

Si prevede che entro il 2023, il 75% delle organizzazioni che sfruttano i vantaggi dell’ “azienda distribuita” realizzeranno una crescita dei ricavi maggiore del 25% rispetto ai concorrenti. Un dato interessante visto il crescente interesse dei colossi tech per evoluzioni come il metaverso.

  • Cyber Security

La spesa globale per prodotti e servizi relativi alla cybersecurity arriverà a 1,75 trilioni di dollari entro il 2025, un dato impressionante considerando che nel 2004 il mercato globale della sicurezza informatica valeva appena 3,5 miliardi di dollari.

  • Blockchain

Gartner riporta che il valore aggiunto di affari della blockchain passerà a più di 176 mld $ nel 2025 a oltre 3 trilioni di dollari entro il 2030, ovvero una crescita esponenziale (media annuale di growth pari a 38,4%)

  • Agritech / Ag-tech

Il valore totale del mercato Agtech (tecnologia agricola) raggiungerà i 22,5 miliardi di dollari entro il 2025 con un tasso di crescita medio annuo del 150% nei prossimi cinque anni. Dai sensori agricoli per la gestione delle colture, dalla mappatura GPS del campo, alla gestione della catena di approvvigionamento, l’obiettivo finale è di aumentare la reddittività dei raccolti e ridurre i costi attraverso la connettività e la comprensione dei dati.

Crowdfunding in Italia: tipologie e risultati

Ad oggi esistono diverse tipologie di crowdfunding, di seguito una lista con relative specifiche:

  1. donation-based crowdfunding; si tratta di campagne di raccolta in cui non viene offerta alcuna ricompensa particolare, se non un semplice ringraziamento, e quindi tipicamente mirate a obiettivi di solidarietà, cultura, mecenatismo, volontariato, sport;
  2. reward-based crowdfunding; in tal caso viene offerta una ricompensa di natura non monetaria, quale un oggetto o un servizio; spesso la ricompensa è il prodotto stesso che si vuole realizzare attraverso la richiesta di finanziamento e in tal senso la colletta assume la forma di una vera e propria pre-vendita (pre-selling) non molto diversa da un’operazione di e-commerce. Spetta al contributore ‘fidarsi’ rispetto alle promesse offerte dal proponente; nel caso del pre-selling si applicano le normative tipiche del commercio elettronico, sia in materia di IVA e fatturazione, sia in materia di protezione dei consumatori e diritto di recesso;
  3. royalty-based crowdfunding; la ricompensa in tal caso è di natura monetaria e consiste in una condivisione dei profitti o dei ricavi associati all’investimento, ma senza alcun titolo di proprietà sul progetto né di rimborso del capitale;
  4. crowdinvesting; in tal caso il finanziamento viene effettuato a titolo di investimento, cui è associata una remunerazione, che può avvenire con la sottoscrizione di capitale di rischio (equity) o di un prestito (lending). Poiché in tal caso si offre un investimento, è cruciale che la campagna venga realizzata secondo criteri ortodossi definiti dalle leggi e dalle Autorità di vigilanza, che variano anche sensibilmente da nazione a nazione.

Scarica e leggi il report completo cliccando qui

© Rome Business School. All rights reserved.

Privacy Policy - Cookie Policy
Richiedi informazioni