Lezione di approfondimento: Communication and Electoral Campaign Management

Master in Corporate Communication Management – Martedì 6 luglio 2021

Politica e comunicazione non possono essere separate in una democrazia. I politici ed i partiti politici devono convincere gli elettori delle loro idee e proposte cercando, a partire da queste, maggioranze sufficienti per raggiungere il potere. Lo scopo di qualsiasi comunicazione politica è, quindi, trasmettere contenuti a destinatari specifici. Questi possono essere decisori e moltiplicatori (media) o direttamente gli elettori.

Ma in un mondo in cui la notizia non rappresenta più il cambiamento e data la velocità in cui gli eventi si susseguono dobbiamo chiederci quali strategie di comunicazione politica rimangono efficaci, quali sono le tendenze attuali o, ad esempio, come si può attirare l’attenzione e convincere un nuovo pubblico. Per rispondere a queste domande abbiamo organizzato una lezione di approfondimento, per il Master in Corporate Communication Management.

Studieremo diverse Tendenze e Strategie con il docente e professionista Lorenzo Pregliasco, co-fondatore di Quorum. Il modulo consentirà agli studenti di padroneggiare strategie di comunicazione, tecniche, metodi di analisi, pianificazione, organizzazione, sviluppo e gestione delle campagne elettorali ma anche di rafforzare e sviluppare l’ottimizzazione dei processi di comunicazione politica e istituzionale nei governi locali.

Di seguito un breve riassunto delle 5 principali strategie per una efficace gestione delle campagne elettorali

Le 3 C: Consistenza, Credibilità e Coerenza.

Un passaggio fondamentale per mettere in pratica una strategia di comunicazione di successo in ambito politico è quello di scrivere una definizione della narrativa del progetto in cui chiediamo alle persone di fidarsi. Ciò che attrae gli elettori non sono le misure politiche individuali, ma una visione globale del Paese che 3 C in linea: consistenza, credibilità e coerenza. Questi tre elementi rappresentano di per sé la base fondamentale che dovrebbe ispirare le restanti tattiche.

L’importanza delle parole

Gli elettori sono interessati a sapere che il partito per cui scelgono di votare rappresenta interessi molto specifici. Usano diversi media per ottenere informazioni e consultare programmi elettorali, siti web e social media. Ma come troviamo le parole giuste per creare messaggi che li raggiungano?

Ascoltare il pubblico a cui ci rivolgiamo è uno dei modi principali per sapere non solo cosa trasmettere ma anche come. In questo modo, le conclusioni dovrebbero servire a creare messaggi efficaci che, ad esempio, trasformino una “riforma necessaria” in ciò che altri definiscono “smantellamento sociale” o che parlino con toni diversi ai giovani elettori, solitamente più ricettivi al cambiamento, e agli elettori più anziani e molto più fedeli.

I leader dovrebbero concentrarsi sui messaggi fondamentali alla base delle loro politiche e comunicarli in modo comprensibile. In questo caso, “la sintesi è l’anima dell’arguzia”.

Comunicazione dinamica

Il passato ci ha insegnato che gli imprevisti possono cambiare l’intera dinamica di una campagna elettorale o di un mandato. Pensalo come un pilota che non solo conosce le coordinate del bersaglio prima di un volo, ma deve anche tenere conto delle possibili influenze lungo il percorso, come i venti trasversali, la turbolenza, il traffico lungo la rotta e le prestazioni e le capacità del suo aereo.

Nella comunicazione politica, questi aspetti mutevoli includono, ad esempio, cattive notizie, cambiamenti nelle aspettative e nelle percezioni degli stakeholder, voci improvvise, ma anche l’influenza di altri attori che attirano l’attenzione sui loro messaggi. Insomma, tutto distrae dal normale corso degli eventi.

Le buone strategie di comunicazione reagiscono rapidamente e rapidamente per creare messaggi appropriati, non forzati, nei momenti decisivi. Nonostante stia ancora accadendo, soprattutto quando il potere è già stato raggiunto, la società penalizza sempre più quei leader che rimangono in silenzio o non accettano le domande dei giornalisti.

Una strategia per ogni canale

L’emergere dei social media e dei canali digitali nel suo complesso ha portato a nuove forme di comunicazione, anche in politica. L’attuale selezione di media è enorme e crea confusione durante l’impostazione dei criteri.

Fai attenzione: non si tratta di riprodurre la stessa cosa su ciascuno di essi, ma di fornire contenuti adeguati sui canali in cui si trova il tuo pubblico di destinazione. Inoltre, alcuni formati funzionano meglio in alcuni casi che in altri. Ad esempio, i video brevi sono ottimi per Facebook, non per altre piattaforme, e ricorda che i social media sono bidirezionali. Non si tratta solo di dire o trasmettere messaggi, ma anche di dialogo e ascolto.

Il valore dell’autenticità e dell’empatia

I politici sono, per definizione, rappresentanti del popolo. Ecco perché è importante restare vicini ai cittadini e conoscere direttamente le loro preoccupazioni. Gli elettori chiedono candidati che conoscono personalmente e che siano convincenti. E anche la propaganda del passaparola non ha perso la sua rilevanza nell’era digitale. Che sia online, agli eventi o durante gli incontri personali, mostrare autenticità ed empatia rappresenta un’opportunità per costruire un marchio forte attorno a un leader.

In conclusione

Queste cinque riflessioni forniscono gli strumenti per affrontare con successo un’efficace strategia di comunicazione politica. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che il successo di un progetto politico dipende da molti altri fattori, come la concorrenza, la preparazione precedente, la personalità, ecc. Non c’è dubbio che quando questi fattori intangibili contribuiranno alla strategia stessa, sarà in gran parte gestito per influenzare il corso degli eventi.

Richiedi informazioni