Dimmi di più su di te

Migliore risposta alla domanda: “Raccontami di te” durante un colloquio di lavoro

“Allora, raccontami di te”

Una delle domande più complicate poste durante un colloquio di lavoro sembra anche una delle più semplici. Sembra facile perché sembra un po’ come un pass gratuito: nessuno scenario prestabilito, nessun requisito per esempi di vita reale, nessuna sfida tecnica. 

M può nascondere delle insidie.

Ricevere un invito così aperto può portare ad incontrare diversi ostacoli … perché non riceverai alcuna direzione per la tua risposta, solo una pagina bianca da riempire senza alcun indizio. A questo punto la tua mente può formulare una miriade di considerazioni interne:

  • Dovrei parlare della storia di tutta la mia vita?
  • Dovrei parlare solo della mia storia lavorativa?
  • Devo condividere i miei hobby e i miei film preferiti?
  • Dovrei parlare del mio ultimo lavoro o capo?

Vediamo se possiamo rispondere ad alcune delle tue domande

Ciò di cui il tuo intervistatore ha più bisogno da te è un punto solo: come posso soddisfare al meglio le esigenze di questo ruolo, non una relazione od un libro di esperienze, solo alcuni punti chiave per identificare meglio chi sei e cosa potresti essere in grado di fare.

Sii più della tua biografia

Affrontare la domanda “Dimmi di più su di te” inizia con la consapevolezza che il tuo intervistatore conosce già la tua storia lavorativa grazie al tuo curriculum. Quindi, eseguire un monologo basato sulla tua pagina Linkedin è inutile, ricorda che i colloqui di lavoro riguardano più il fare ottimi abbinamenti che fornire le qualifiche. Se non fossi qualificato, non saresti in quella stanza e in quella situazione.

Non è nemmeno il momento di rivelare informazioni personali sulla tua vita, come la tua vita familiare, le vacanze recenti e l’ossessione per i burattini. Questo può arrivare più tardi, quando il colloquio sta per finire. Per ora, approfitta al massimo di questo primo momento facendo una prima buona impressione. (Anche se entrambi amate le marionette, questo servirà solo a farvi ottenere il lavoro)

Identifica le esigenze dell’organizzazione concentrandoti su frasi come “richiesto”, “deve avere” e “altamente desiderato” significano ciò che dicono, quindi evidenzia quelle nella tua pianificazione. Presta particolare attenzione agli elementi sotto le intestazioni come “Cosa stiamo cercando” e “Cosa ci serve”. Questi sono ovviamente indicazioni dirette. Anche il tono di una descrizione del lavoro può dirti molto. Alcune descrizioni sono scritte in modo intelligente, sembrano personali o nascondono un po’ ‘di senso dell’umorismo, un annuncio di lavoro molto formale potrebbe indicare un luogo di lavoro conservatore in cui ci si aspetta che le persone prendano sul serio il proprio lavoro.

“Fill the Need”, quelli che hai identificato i requisiti di lavoro e il tono giusto da usare, scegli una storia dalla tua vita professionale che ti illustri come colmare hai colmato quel particolare bisogno in un’altra situazione. Sentiti libero di abbellire i dettagli per rafforzare la partita, ma non fabbricare gli elementi primari basati solo su esperienze ed abilità che realmente possiedi.

Esercitati nel raccontare la tua storia ad alta voce, come in risposta a una domanda. Questo ti aiuterà ad essere più sicuro di quello che stai dicendo ed a non balbettare durante la tua risposta. Fare pratica ad alta voce è la chiave.Mettere tutto insieme e articolare un dialogo che metta insieme le necessità dell’organizzazione e le tue capacità in quel punto con una storia pertinente dovrebbe fare di più che spalancare gli occhi nella stanza. Dovrebbe anche metterti testa e spalle al di sopra degli altri candidati. Perché? Perché, a differenza di loro, non hai solo detto loro di te; hai sottolineato perché sei importante per loro.