Coffee Break with Reinout Bosman

Italiano

Nome: Reinout

Cognome: Bosman

Materia e corsi: Master in Political Marketing, Public Speaking e Comunicazione Aziendale

BIO: Reinout Bosman vive a Firenze, in Italia. La sua carriera è decollata nel 2017 dopo aver seguito le sue passioni ed essersi trasferito in Italia con solo 1.000 euro in tasca, un salto nel vuoto. Oggi Reinout insegna, ispirando e risvegliando il vero potenziale delle persone, attraverso lezioni di coaching in public speaking, soft skills e comunicazione interpersonale. Negli ultimi anni ha insegnato ad oltre 3000 studenti internazionali e (giovani) professionisti di ogni estrazione sociale e culturale, mentre lavorava in istituti privati, scuole di economia aziendale e politico aziendali.

Quando hai capito di voler diventare un’insegnante?

Mi è sempre piaciuto aiutare le persone, non so bene per quale motivo. Fino a quando non mi è stato chiesto di tenere una conferenza per un gruppo di 100 studenti dell’Università Erasmus di Rotterdam. Ricordo che momento in cui ho iniziato a parlare ho subito sentito il mio cuore saltare dei battiti. Questo è stato per me il segno che era esattamente quella la cosa che dovevo fare.

Quali strategie o tecniche di insegnamento usi abitualmente?

Le mie lezioni sono come delle sedute di coaching in cui si svolgono delle interazioni, rifelssioni e miglioramenti del posto di lavoro, mi piace vedere le persone per quello che sono realmente e scoprire il loro vero potenziale.

Quali sono le 3 competenze fondamentali per avere successo nella propria carriera?

  1. Intenzioni chiare, sapere perché sta facendo ciò che sta facendo e quali sono le motivazioni
  2. Essere consapevoli di sé stessi e tradurlo in come vorresti essere visto dal mondo e capire quale sarà il tuo contributo
  3. Comprendere che ciò che fai è sempre un servizio per un altro. Non riguarda quindi solo te stesso ma anche gli altri 

Quale suggerimento vorresti dare ai tuoi studenti su come ottenere il massimo dalla loro esperienza educativa?

L’istruzione è il parco giochi più bello che si possa avere. Più provi e osi, più impari. Quindi, entra nell’Arena e lascia e le cose accadano da sol. Anche quando fallisci gravemente, hai comunque osato molto (come ha detto una volta Roosevelt).

Secondo te, quali sono le 3 caratteristiche principali che un manager di successo dovrebbe avere?

  1. Compassione
  2. Empatia
  3. Capacità di ascoltare veramente leggendo tra le righe.

Hai un mentore? Se si, chi?

Ho diversi mentori. Due grandi amici con cui lavoro attualmente che mi aiutano costantemente ad individuare i miei punti ciechi e migliorare la mia attività. Il mio Maestro di musica 90 anni è uno dei più grandi mentori quando si tratta di vita, amore e carriera,

La lezione più importante che hai imparato durante il tuo percorso professionale?

Essere vulnerabili e presentarsi sempre non importa quanto sia difficile l’ostacolo da superare.

Come aiuti gli studenti a scoprire il loro talento?

Dicono che sono famoso per le molte domande che faccio. Chiedendo ed ascoltando trovi le risposte più belle e quelle risposte possono essere la tua guida, direzione e scopo nella vita.

Come ti motivi ad agire?

Bene, fisso un punto all’orizzonte e poi butto giù una strategia, da li procedo passo dopo passo. Quando c’è il flusso giusto non hai bisogno di motivazione … vai e basta. Provo inoltre a mangiare sano, faccio esercizio e di tanto in tanto spegno la mente per ricaricare le batterie.

Cosa cambieresti di te stesso?

Spesso tendo a sentirmi sopraffatto quando ho molto da fare o quando sono in conversazioni difficili (soprattutto quando mi sento attaccato). Vorrei migliorare quella parte per mantenere la testa fresca ed il cuore più leggero per affrontare le situazioni difficile con più grazia e facilità.

Come agisci per cambiare il mondo?

Lavoro come coach e trainer di Public Speaking e soft skills con l’obiettivo di dare voce alla “prossima generazione” e renderli consapevoli dei propri talenti. Inoltre illumino un po’ la mia realtà e spero anche quella degli altri durante i mei concerti come cantante d’opera lirica. Dedico tempo a RainbowTree International, un’organizzazione senza fini di lucro con sede nei Paesi Bassi, che sostiene i bambini che si trovano ad affrontare situazioni difficili come malattie, guerre e povertà. Infine, lavoro su questioni di salute mentale e sul miglioramento dell’istruzione in tutto il mondo sostenendo vari programmi per giovani delle Nazioni Unite.

Le 3 migliori città da visitare

  1. Napoli
  2. Rio de Janeiro
  3. Parigi

Cosa ti piace di più di Roma?

Le lunghe passeggiate per la città alla scoperta di tutti i suoi piccoli e misteriosi vicoli.

3 libri da leggere …

  1. The Long walk to Freedom – Nelson Mandela 
  2. Start with Why – Simon Sinek 
  3. The Seat of the Soul – Gary Zukav 

Cibo italiano preferito?

Domanda difficile! Direi insalata di Polpo con patate.

Hai un soprannome?

Rein.

Quali sono i tuoi hobby?

Da quando ho incontrato il mio Maestro (che ha 90 anni) ho scoperto la mia voce ed il canto. Lui, come vecchio cantante lirico e ex collega di Luciano Pavarotti e Renata Tebaldi, mi ha insegnato a cantare l’opera. La mia passione nasce da qui, quando canto brani di Verdi, Puccini e Donizetti.

Quali sono le tue debolezze?

Posso essere impaziente (lo sanno bene i miei amici).

La cosa più folle che tu abbia mai fatto …

Fare un’audizione per il lancio internazionale ufficiale della Milano Design Week (2019), dopo meno di un anno di lezioni di canto. Mi hanno scelto … quindi la seconda cosa più folle è stata cantare dal vivo per un pubblico di oltre 500 persone.

Il giorno più felice della tua vita …

Finora, è sicuramente il giorno in cui mi sono esibito a Milano durante l’apertura della Design Week. La sensazione di connettersi con il pubblico usando la voce e la comunicazione non verbale è stata indimenticabile.

Cosa ti fa arrabbiare?

Quando le persone mancano di trasparenza, onestà o integrità.

Cosa ti imbarazza?

Quando vocalizzo a casa, stono… E poi scopro che le finestre erano aperte … ?

Definisci la felicità

La felicità è ciò che senti nel tuo cuore e, secondo me, è collegato alla gratitudine. È quella calda sensazione che si manifesta quando stai veramente facendo ciò per cui sei nato!