Coffee Break

Alexandra Solea

Nome: Alexandra

Cognome: Solea

Program director del Master in Arts and Culture Management: Managing arts and Culture in the global era, Cultural event management, Creation of cultural company, Music industry and artist management

Master in Tourism ManagementThe global art and culture tourism system

Bio

Alexandra, MA MCultHeritage PhD GCert, professionista nelle relazioni internazionali e degli affari culturali nell’ambiente CCI globale. Le sue aree di competenza comprendono diplomazia culturale, partenariati culturali internazionali, politica culturale, gestione delle arti dello spettacolo. Alto profilo nel settore pubblico e privato, ha completato la sua esperienza nell’amministrazione artistica senior attraverso collaborazioni con istituzioni internazionali di alto livello nel campo della gestione artistica e degli affari culturali, tra cui: il Teatro dell’Opera di Roma, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (Roma), BOZAR (Bruxelles), Sadler’s Wells (Regno Unito), Dipartimento di Stato USA, ecc. È Alumna / Fellow dell’European Music Council (Bonn), la più grande rete europea di organizzazioni e istituzioni operanti nel settore della musica, e Alumna / Fellow di Stiftung Mercator (Essen) e TÜSİAD (Istanbul), la principale organizzazione imprenditoriale turca. Ad Alexandra sono state assegnate varie borse di studio dal Ministero degli Affari Esteri italiano, dell’Associazione dei Festival europei (Bruxelles), La Fondazione Asia-Europa – ASEF (Singapore), Fondazione Terzo Pilastro Internazionale (Italia), Ministero degli Affari Esteri rumeno, Ministero della Pubblica Istruzione ecc. È visiting professor e docente in varie istituzioni accademiche e università come: Conservatorio Reale di Den Haag (Olanda), Università IULM di Milano (Italia), Università di Roma 2 “Tor Vergata” (Italia), Santa Cecilia Conservatorio di musica a Roma (Italia), Conservatorio Benedetto Marcello a Venezia (Italia), Alleanza delle civiltà delle Nazioni Unite (UNAOC) a New York (USA).

Quando hai scoperto che volevi diventare un insegnante? L’ho capito durante i miei studi universitari, presso l’Università Nazionale di Musica di Bucarest. Durante l’ultimo anno ero presente al modulo didattico che prevedeva attività in diverse scuole superiori della città. È stato il mio primo contatto diretto con una classe di studenti e mi sono divertita moltissimo, ovviamente sotto la diretta supervisione accademica.

Quali strategie o tecniche di insegnamento usi abitualmente? Mi piace adattare le mie strategie alle esigenze degli studenti e cerco di farlo attraverso la comunicazione costante con loro, durante ogni lezione. In generale, mi piace coinvolgerli in varie attività di classe dinamiche, tra cui case study potenziati dall’uso di diversi strumenti di pensiero creativo e strategie di analisi.

Quali sono le 3 competenze fondamentali che un lavoratore dovrebbe avere per avere successo nella sua futura carriera? 1. Perseveranza, 2 Professionalità, 3 Costante desiderio di crescere e migliorare

Quale suggerimento vorresti daresti agli studenti per aiutarli ad ottenere il massimo dalla loro esperienza educativa? Imparare a gestire loro stessi ed il loro tempo correttamente per massimizzare la loro esperienza educativa ed il loro talento. Un ottimo tranining per arrivare a questo è leggere molto, mantenersi attivi nelle attività di ricerca, partecipare costantemente a lezioni ed eventi interattivi, costruirsi un ottimo network di conoscenze nazionali ed internazionali.

Quali sono secondo te le 3 caratteristiche principali per essere un manager di successo? 1. Vision, 2. Capacità di leadership, 3. Intelligenza emotiva

Hai un mentore? Se si, chi? Sotto questa ottica sono stata estremamente fortunata in quanto ho avuto l’opportunità di essere guidata da diversi meravigliosi mentori, sia in Romania (il mio paese natale) che in Italia (il mio paese adottivo). Sono profondamente grata a tutti loro, mi hanno guidata fin dove sono.

La lezione più importante che hai imparato durante il tuo percorso professionale? Non mollare mai! La vita è piuttosto impegnativa e spesso le cose non vanno esattamente come ci aspettiamo. Tuttavia, questo dovrebbe essere visto come una sfida e non un ostacolo. Pertanto, dovremmo rivalutare la situazione e cercare di essere flessibili e adattare gli obiettivi alle nuove premesse. Se convertiamo la difficoltà in uno stimolo positivo, troveremo l’energia per fare meglio.

Come vorresti che i tuoi studenti scoprissero il loro talento? Consiglio sempre ai miei studenti di essere fedeli a se stessi e di seguire le loro passioni. Una buona introspezione è importante, prima di agire e sviluppare nuovi progetti; come anche dedicare tempo per conoscersi meglio noi, ciò aiuta anche nel conoscere gli altri. Ricordo sempre loro di non temere di stabilire obiettivi elevati e di sognare in grande.

Come ti tieni motivata? Sono una persona piuttosto dinamica, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e obiettivi da raggiungere, quindi penso che la motivazione derivi dalla passione e dall’energia che metto in ciascuna delle mie attività. Tuttavia, devo prima innamorarmi dell’idea che, insieme all’entusiasmo ed alla dedizione, si trasforma in un vero progetto.

Cosa vorresti cambieresti di te? Vorrei diventare più paziente e dedicare più tempo ai problemi degli altri, magari imparare un’altra lingua straniera, viaggiare di più …

Cosa stai facendo per cambiare il mondo? Nel mio piccolo, mi piace considerare i benefici dei miei progetti da più punti di vista: sociale, ambientale, culturale, politico e cercare di migliorarli di conseguenza. Non possiamo permetterci di aspettare che il cambiamento arrivi solo dagli altri, il cambiamento parte da noi, attraverso ciò che facciamo quotidianamente nel nostro lavoro e nella nostra vita sociale.

Top 3 delle città da visitare a Roma, New York, Bucarest.

Cosa ti piace di più di Roma? Roma Caput Mundi, è una delle città più belle e romantiche del mondo che deve essere vista almeno una volta nella vita. Per me è stato amore a prima vista. Roma è un museo a cielo aperto, non smette mai di stupire con nuove intuizioni e prospettive in diverse tonalità e colori, confrontando elementi vecchi e nuovi appartenenti a diversi momenti storici. È così elegante da indossare i suoi innumerevoli abiti storici: Antichità, Medioevo, Rinascimento, Barocco, Classico, Moderno, Contemporaneo. 

3 libri da leggere … Yuval Noah Harari, 21 lezioni, Hermann Hesse, The Glass Bead Game, Mary Gabriel, Ninth street women: Lee Krasner, Elaine De Kooning, Grace Hartigan, Joan Mitchell ed Helen Frankenthaler: cinque pittori e il movimento che è cambiato Arte Moderna

Qual è il tuo cibo italiano preferito? Oh, questa è una domanda difficile! Ci sono così tanti piatti che mi piacciono … la cucina italiana è piuttosto sorprendente! Adoro: melanzane alla parmigiana, pizza, vari tipi di pesce, pasta, gelato e la lista può continuare.

Hai un soprannome? La mia famiglia e i miei amici mi chiamano Alexa.

Quali sono i tuoi interessi e hobby? La musica è la mia passione e il mio primo amore.

Quali sono le tue debolezze? A volte, quando divento appassionato di un argomento tendo a parlare un po’ troppo.

La cosa più folle che tu abbia mai fatto … Essere copilota in una gara automobilistica, guidare una motocicletta … e ci sono ancora un paio di cose che vorrei fare nel prossimo futuro.

Il giorno più felice della tua vita … Ci sono stati molti giorni meravigliosi e felici nella mia vita, quindi è un po ‘difficile indicarne solo uno.

Cosa ti fa arrabbiare? La mancanza di etica e modestia tra i giovani professionisti. Avere successo non significa essere egocentrici e scoraggianti.

Cosa ti mette in imbarazzo? Accettare un complimento rovesciato.

Definisci la felicità! Per me la felicità significa avere un equilibrio interno tra mente, corpo e anima, sentirsi bene con se stessi in ogni modo. A questo proposito, vorrei citare il Mahatma Gandhi, che è diventato la mia ispirazione negli ultimi anni: “La felicità è quando ciò che pensi, ciò che dici e ciò che fai sono in armonia”.