Coffee Break

Michela Bonafoni

Nome: Michela

Cognome: Bonafoni

Materia e corsi

Direttrice del Master in Fashion & Design Management

Materie: L’industria della moda e la sua rivoluzione culturale; fashion sociology; pubbliche relazioni e celebrità; influenze e media, globalizzazione e moda, lancio di una Start – Up, economia in fashion management, supply chain management.

BIO personale

Laureata in scienze della moda e del costume all’università La Sapienza di Roma, con un master in marketing e comunicazione alla moda presso il Central St.Martin’s College di Londra, Michela Bonafoni ha lavorato per molte aziende sia in Italia che in America (NY) come direttrice della comunicazione fino al 2012 quando ha aperto un ufficio stampa a Milano chiamato 360 + OneQuarter per promuovere giovani designer secondo Vogue Talents. Sin dai primi anni d’insegnamento Michela si occupa di semiotica, economia e comunicazione nella moda, insegna ora allo IED (Istituto Europeo di Design) di Roma e alla Rome Business School, dove è direttrice del Master in “Fashion & Design Management”. Ricercatrice di tendenze della moda per molte aziende come Creative Hairstyling, Wella di Mitu, collabora con la direzione creativa e tenendo seminari e conferenze di ricerca sulla moda. Relatrice radiofonica sta conducendo un programma riguardante la società e le questioni di attualità.

Quando hai scoperto che volevi diventare un insegnante? Da quando ero all’università. Ricordo che mentre studiavo storia della moda ho deciso di voler insegnare la materia all’interno di questo settore.

Quali strategie o tecniche di insegnamento usi abitualmente? Adoro interagire con gli studenti, chiedo sempre il loro punto di vista riguardo diversi argomenti. Sono solita alternare le mie lezioni con video che risvegliano il loro lato emozionale con argomenti di ricerca sulla moda, sulla sociologia e sulla musica. Considero le emozioni come un fattore davvero importante nell’apprendimento di qualsiasi materia, sia anche questa economia.

Quali sono le 3 competenze fondamentali che un lavoratore dovrebbe avere per raggiungere il successo nella carriera? Umiltà, perseveranza, passione

Quale suggerimento vorresti dare ai tuoi studenti per ottenere il massimo dalla loro esperienza educativa? Nella vita non smetto mai di studiare gli argomenti che ho insegnato e che sto insegnando. Quindi, suggerisco loro di essere aperti e di confrontare sempre la loro visione con le altre visioni del mondo e di non fermarsi mai di fronte a un ostacolo. È importante studiare e farlo con passione.

Secondo te, quali sono le 3 caratteristiche principali di un manager di successo? Ascolto, passione e determinazione

Hai un mentore? Se si, chi? Oh, ho diversi mentori. Prima di tutto mia mamma. Mi ha convinto che la mia passione potesse diventare il mio lavoro. La mia insegnante di letteratura inglese e studio di moda durante il periodo universitario, la signora Paola Colaiacomo che ha introdotto nella mia vita e la signora Maria Luisa Frisa, una delle persone più importanti nella cultura della moda.

La lezione più importante che hai imparato durante il tuo percorso professionale. Non mollare mai, anche quando sei veramente stanco e triste di fronte a dei problemi che sembrano insormontabili!

Come aiuti gli studenti a riscoprire il loro talento? Cerco di vedere attraverso i loro occhi e di trovare la loro passione; gli suggerisco di ascoltare il cuore, successivamente la mente e di applicare tutto negli studi e nella vita.

Come ti motivi ad agire? Amo il mio lavoro e non avrei mai potuto fare niente di diverso. Considero le mie emozioni, i miei sentimenti e le mie lacrime come la motivazione più importante per andare avanti e scoprire / studiare sempre qualcosa di nuovo!

Cosa vorresti cambieresti di te? Ah, domanda difficile. Probabilmente, il mio stile di vita nomade. Ora, devo trovare il mio posto nel mondo, anche se penso di averlo trovato.

Cosa stai facendo per cambiare il mondo? Lavorare in diversi modi: dall’attualità, al sociale alla moda e viceversa.

Le 3 migliori città da visitare…Instabul, New York, Budapest

Cosa ti piace di più di Roma? Molte cose, ma sono innamorata del suo cielo blu e dei luoghi emotivi e segreti in cui si rischia di perdersi senza troppe domande.

3 libri da leggere …

  • “Il colibrì” (Sandro Veronesi);
  • “Fashion and Luxury Sociology” (Anna Curcio);
  • “Follia” (Patrick McGrath);

Qual è il tuo cibo italiano preferito? Pasta al pomodoro, ovviamente.

Hai un soprannome? No, non ne ho uno.

Quali sono i tuoi interessi e hobby? Adoro viaggiare e leggere.

Quali sono le tue debolezze? Forse la mia irrequietezza.

La cosa più folle che tu abbia mai fatto…Oh, sono molte le cose folli che ho fatto, ma ricordo in particolare quando ho dormito all’aeroporto di Londra solo per visitare una conferenza di moda, perché io e il mio amico non avevamo abbastanza soldi per pagare l’ostello o mangiare qualcosa di buono, ma ci siamo divertiti tantissimo ed appreso molte nuove nozioni.

Il giorno più felice della tua vita…Quando ho capito di essere innamorato della mia attuale compagna.

Cosa ti fa arrabbiare? Disonestà. Razzismo. Violenza.

Cosa ti mette in imbarazzo? Gli applausi che confermano il mio duro lavoro.

Definisci la felicità…Quando ridi senza motivo perché vedi che le persone importanti della tua vita sono felici. La mia felicità personale è il mio amore, i miei amici, la mia famiglia e il mio grosso cane, Romeo!