5 modi per aumentare la tua resilienza sul lavoro

Attualmente, un quarto di tutti i dipendenti vede il proprio lavoro come il fattore di stress numero uno della propria vita. Molti di noi ora lavorano in culture lavorative costantemente connesse, sempre attive ed altamente esigenti, dove lo stress e il rischio di burnout sono sempre più diffusi. Poiché è improbabile che il ritmo e l’intensità della cultura del lavoro contemporanea cambino, è sempre più importante sviluppare capacità di resilienza per navigare in modo efficace nella tua vita lavorativa.

Più di cinquant’anni di ricerca indicano che la resilienza è costruita da atteggiamenti, comportamenti e supporti sociali che possono essere adottati e coltivati da chiunque. I fattori che portano alla resilienza includono l’ottimismo; la capacità di rimanere in equilibrio e gestire emozioni forti o difficili; un senso di sicurezza e un forte sistema di supporto sociale. La buona notizia è che, poiché esiste un insieme concreto di comportamenti ed abilità associate alla resilienza, puoi imparare ad essere più resiliente.

Lavora con la parte migliore di te.

Tuttavia, sviluppare capacità di resilienza nel contesto lavorativo contemporaneo non avviene nel vuoto. È importante comprendere e gestire alcuni dei fattori che ci fanno sentire così sopraffatti e stressati sul lavoro. È chiaro che lo stress ed il burnout legati all’aumento del ritmo e dell’intensità del lavoro sono in aumento a livello globale. Un sondaggio condotto su oltre 100.000 dipendenti in Asia, Europa, Africa, Nord America e Sud America ha rilevato che la depressione, lo stress e l’ansia dei dipendenti rappresentavano l’82,6% di tutti i casi di salute emotiva nei programmi di assistenza ai dipendenti. Gli attuali e crescenti livelli di stress sul posto di lavoro dovrebbero essere motivo di preoccupazione, poiché esiste una relazione diretta e negativa tra stress negativo, benessere e produttività.

Una distinzione importante da notare è che non tutto lo stress è uguale e ci sono alcuni tipi di stress che possono anche avere un effetto positivo sul nostro benessere e sulla nostra produttività. Lo stress buono, o quello che a volte è noto come “stress eudemonico”, (derivato dalla parola greca “eudemonia”, o fiorente) indica che alcuni tipi di stress possono renderci più sani, motivarci a dare il meglio di noi e aiutarci a raggiungere il nostro apice. È utile pensare allo stress come distribuito su una curva a forma di campana. Una volta superato il picco o l’apice delle alte prestazioni in cui lo stress ci motiva, sperimentiamo gli effetti malsani dello stress che, se sostenuto nel tempo, porta non solo al burnout ma anche a malattie croniche.

Quindi, come possiamo sviluppare la resilienza e rimanere motivati ​​di fronte allo stress negativo cronico, alle richieste, alla complessità ed al cambiamento in costante aumento?

Ecco alcuni suggerimenti.

Esercita la consapevolezza. Le persone nel mondo degli affari rivolgono sempre più la loro attenzione alle pratiche di allenamento mentale associate alla consapevolezza. In ambienti di lavoro dinamici, gli psicologi organizzativi Erik Dane e Bradley Brummel hanno scoperto che la consapevolezza facilita le prestazioni lavorative, anche dopo aver tenuto conto di tutte e tre le dimensioni dell’impegno lavorativo: vigore, dedizione e assorbimento. I programmi di consapevolezza online riducono lo stress dei dipendenti, migliorando la resilienza e l’impegno lavorativo, aumentando così il benessere generale dei dipendenti e le prestazioni organizzative.

Come portare la consapevolezza nei ritmi e nelle routine del vostro lavoro quotidiano?

L’implementazione di soluzioni di apprendimento multimodale e sviluppo delle competenze, inclusa una combinazione di apprendimento mobile, formazione in loco, webinar e reti di apprendimento peer-to-peer, promuovono i modi migliori per la consapevolezza di diventare una competenza fondamentale all’interno di un’organizzazione. I partecipanti segnalano miglioramenti statisticamente significativi nella resilienza e affermano che gli strumenti di consapevolezza e i contenuti forniti in questi modi sono molto utili per gestire lo stress, migliorare la collaborazione ed il benessere.

Compartimentalizza il tuo carico cognitivo.

Riceviamo 11 milioni di bit di informazioni ogni secondo, ma i centri di pensiero esecutivo del nostro cervello possono elaborare efficacemente solo 40bit di informazioni, secondo Shawn Achor, co-fondatore dell’Institute for Applied Positive Research e autore di The Happiness Advantage. Un modo pratico per pensarci è che, sebbene non possiamo diminuire la quantità di informazioni che riceviamo (nelle nostre caselle di posta, ad esempio), possiamo suddividere in compartimenti i nostri compiti cognitivi per ottimizzare il modo in cui elaboriamo tali informazioni.

Crea momenti dedicati nel corso della giornata per svolgere attività specifiche legate al lavoro e non molto altro come potresti creare un tempo dedicato per l’esercizio fisico nel corso della giornata. Questo approccio può essere eccessivamente irreggimentato per alcuni, ma crea l’insieme ottimale di condizioni per noi per elaborare efficacemente le informazioni e prendere decisioni di qualità riducendo il carico cognitivo e la tensione.

Fai delle pause per il distacco.

Durante la giornata lavorativa, è importante prestare attenzione ai picchi e alle valli di energia e produttività che tutti noi sperimentiamo, ciò che gli psicologi della salute chiamano i nostri ritmi ultradiani (orari) rispetto ai nostri ritmi circadiani (quotidiani). La concentrazione mentale, la chiarezza e i cicli energetici durano in genere 90-120 minuti, quindi è utile allontanarsi dal nostro lavoro anche solo per pochi minuti per ripristinare energia e attenzione. La prova di questo approccio può essere vista nel lavoro di Anders Ericsson, che ha scoperto che i violinisti virtuosi avevano chiaramente indicato tempi che non duravano più di 90 minuti, seguiti da pause intermedie.

La ricerca suggerisce che bilanciare l’attività lavorativa con anche un breve periodo di distacco da tali attività può promuovere una maggiore energia, chiarezza mentale, creatività e concentrazione, aumentando in ultima analisi la nostra capacità di resilienza nel corso della giornata lavorativa. Il vantaggio a lungo termine è che preserviamo l’energia e preveniamo il burnout nel corso di giorni, settimane e mesi.

Fai delle pause per il distacco.

Durante la giornata lavorativa, è importante prestare attenzione ai picchi e alle valli di energia e produttività che tutti noi sperimentiamo, ciò che gli psicologi della salute chiamano i nostri ritmi ultradiani (orari) rispetto ai nostri ritmi circadiani (quotidiani). La concentrazione mentale, la chiarezza e i cicli energetici durano in genere 90-120 minuti, quindi è utile allontanarsi dal nostro lavoro anche solo per pochi minuti per ripristinare energia e attenzione. La prova di questo approccio può essere vista nel lavoro di Anders Ericsson, che ha scoperto che i violinisti virtuosi avevano chiaramente indicato tempi di pratica che non duravano più di 90 minuti, seguiti da pause intermedie.

Bilanciare l’attività lavorativa con anche un breve periodo di distacco da tali attività può promuovere una maggiore energia, chiarezza mentale, creatività e concentrazione, aumentando in ultima analisi la nostra capacità di resilienza nel corso della giornata lavorativa. Il vantaggio a lungo termine è che preserviamo l’energia e preveniamo il burnout nel corso di giorni, settimane e mesi.

Sviluppa l’agilità mentale.

È possibile – senza troppi sforzi – cambiare letteralmente le reti neurali con cui elaboriamo l’esperienza di stress per rispondere piuttosto che reagire a qualsiasi situazione o persona difficile. Questa qualità dell’agilità mentale dipende dalla capacità di “decentrare” mentalmente i fattori di stress per gestirli in modo efficace. Lo stress “decentrato” non significa negare o sopprimere il fatto che ci sentiamo stressati, ma piuttosto è il processo di essere in grado di fare una pausa, osservare l’esperienza da un punto di vista neutro e quindi cercare di risolvere il problema.

Quando siamo in grado di fare un passo indietro cognitivamente dalla nostra esperienza ed etichettare i nostri pensieri ed emozioni, stiamo effettivamente spostando l’attenzione dalla rete narrativa nel nostro cervello alle parti più osservative del nostro cervello.

Essere mentalmente agili e decentrare lo stress quando si verifica, attiva l’abilità di resilienza di base della “flessibilità di risposta”, che la famosa psicologa Linda Graham descrive come “la capacità di mettere in pausa, fare un passo indietro, riflettere, cambiare prospettiva, creare opzioni e scegliere con saggezza.

Coltiva la compassione.

Uno degli aspetti più trascurati del set di abilità di resilienza è la capacità di coltivare la compassione, sia auto-compassione che compassione per gli altri. Secondo una ricerca citata dal Greater Good Science Center della UC Berkeley, la compassione aumenta le emozioni positive, crea relazioni di lavoro positive e aumenta la cooperazione e la collaborazione. La compassione e l’efficacia aziendale non si escludono a vicenda. Piuttosto, il successo individuale, di squadra e organizzativo si basa su una cultura del lavoro compassionevole.

Infine, possiamo concludere che un ampio insieme di abilità e comportamenti che consentono la resilienza sul posto di lavoro sono un buon ritorno sull’investimento. La capacità di sviluppare la resilienza è un’abilità che servirà bene in un ambiente lavorativo sempre più stressante. 

Le aziende traggono vantaggio da una forza lavoro più resiliente. Costruire una cultura organizzativa che incoraggi e supporti la formazione sulla resilienza ha semplicemente senso per gli affari.