Coffee Break

Giosuè Prezioso

Nome: Giosuè

Cognome: Prezioso

Materia e corsi: Affari e diritto delle industrie culturali

BIO

Giosuè curatore d’arte internazionale, docente di arte e commercio e consulente. Ha lavorato per aziende in Austria, Francia, Italia, Polonia, Stati Uniti e Spagna. Ha conseguito un dottorato di ricerca presso l’Università di Reading ed ha un Master of Science (MSc) in Arte, Giurisprudenza e Affari presso Christie’s Education London, la principale azienda d’arte del mondo. Giosuè è professore e coordinatore degli affari accademici presso la Florence University of Arts – The American University of Florence (FUA-AUF). Ha insegnato per i programmi internazionali post laurea presso la John Cabot University, la Roma Film Academy (Cinecittà), la Camera dei Deputati, la Rome Business School, la Banca d’Italia ed altre ancora. Esaminatore nominato presso l’Università di Cambridge (ESOL), un esaminatore di Business and Management per l’International Bachelor (IB) e sta attualmente completando un programma avanzato presso la Harvard Graduate School of Education.

Quando hai scoperto di voler diventare un insegnante? Ho giocato – e continuo a farlo, in qualche modo – ad essere un insegnate, ed ha funzionato. Tutto è iniziato quando avevo 17 anni, quando ho trasformato un gioco in un esperimento. A quel tempo, vivevo in una piccola città d’Italia, dove ero l’unico a conoscere l’inglese. Studiavo l’arabo ed il russo in un corso gratuito tenuto da un prete – che aveva imparato le lingue dagli immigrati nel convento che supervisionava. Un giorno ho avuto un momento “eureka”: “Perché non insegnare inglese?” Sono andato dal sacerdote e una settimana dopo ho insegnato di fronte a 7-10 alunni, che in seguito sono diventati 30, 50, 70 e alla fine 180. Il primo giorno di lezione era come se avessi insegnato per sempre, quindi per me insegnare è stata più una realizzazione che una scoperta.

Quali strategie o tecniche di insegnamento usi abitualmente? DIVERTIMENTO E TRASPARENZA Come ho detto nella risposta precedente “gioco”. Mi piace pensare alle lezioni come a partite di ping-pong, dove sia gli istruttori che gli studenti scambiano contenuti, conoscenze, esperienze, ma anche paure, frustrazioni e fallimenti. Se la narrazione è “stiamo giocando” – e con giocare intendo mixare sia divertimento che regole – le lezioni diventano così meno impegnative sia per gli studenti che per i docenti – perché ci stanchiamo anche noi, anche se non sembra e forse siamo solo più esperti per gestirlo (e nasconderlo?) meglio. Quindi la mia tecnica è giocare, giocare, giocare e poi fare silenzio. Per “silenzio” intendo la capacità di scomparire come guida e lasciare che gli studenti scoprano, sperimentino, realizzino e commettano errori da soli, individualmente o in gruppo. Sono un vero sostenitore dell’apprendimento empirico, quindi a volte mi trasformo in un fantasma e gli studenti mi sorprendono con idee straordinarie che non avrei mai saputo pensare da solo.

Quali sono le 3 competenze fondamentali che un lavoratore deve avere per avere successo nella sua futura carriera?

  1. Flessibilità: Essere flessibili con ritmi, colleghi, rivoluzioni, crisi, fallimenti e promozioni, come un atleta. Gli atleti vengono generalmente definiti come le persone flessibili per eccellenza.Bisogna essere atleti anche nel lavoro e passare da una situazione all’altra con la massima flessibilità possibile. All’inizio è difficile, ma a lungo termine da i suoi frutti.
  2. Non essere troppo serio: La serietà aumenta i livelli di pressione, ansia, vicinanza alle persone e agli avvenimenti. Inoltre rende i volti meno luminosi ed espressivi sul posto di lavoro. Sento luoghi in cui leggerezza e sorriso sono la cultura di conseguenza più produttiva per lavorare e con cui vivere. La mia risposta sarebbe quindi: essere professionale ma con un il sorriso (poco serio?) – durante i colloqui di lavoro, alla scrivania, con i colleghi e/o con i clienti, anche i più fastidiosi.
  3. Sii auto-celebrativo: c’è un dipinto davvero unico di Millet chiamato The Angelus. In questo dipinto, due contadini smettono improvvisamente di lavorare e iniziano a pregare, onorando le piccole ma autentiche cose per cui difficilmente hanno lavorato durante la loro giornata. Onorare i traguardi quotidiani (anche i più piccoli), nonché i fallimenti, le cose che abbiamo imparato e quelle che abbiamo insegnato alla fine di ogni giornata è una buona pratica, in quanto ci ricorda tutti i contributi grandi o piccoli che siano che diamo alla nostra azienda, società e sistema globale.

Quale suggerimento vorresti dare ai tuoi studenti su come ottenere il massimo dalla loro esperienza educativa?

  1. Divertiti. 
  2. Sii critico. 
  3. Fai domande (non essere mai timido). 

Fai amicizia con i colleghi ed avviate dei progetti – anche se semplici ma divertenti e piccoli. Non avere paura di fare errori.

Quali sono le 3 caratteristiche principali che un manager di successo dovrebbe avere? Essere curioso, consapevole ed empatico.

Hai un mentore? Se si, chi? Ne ho avuti molti durante la vita. Il mio attuale non è né famoso né popolare: sono in qualche modo contrario ai grandi mentori pubblicizzati della TV / dei media, mi piacciono di più gli “eroi della vita di tutti i giorni” e il mio mentore ora è Gianna. È una professionista comune, una madre, un’ex moglie e una grande amica che sa ascoltare, sussurrare, tacere e parlare con me. È sicuramente il mio mentore e musa ispiratrice.

La lezione più importante che hai imparato durante il tuo percorso professionale? Sicuramente sull’umiltà – a volte non lo sono molto. A volte sono molto dedito altre volte senza tocco, ma l’umiltà in generale è stata la lezione più difficile che ho dovuto imparare – e sto ancora imparando. 

Come vorresti che i tuoi studenti scoprissero il loro talento? Di solito i talenti sono abbastanza obiettivi, o se si nascondono (a causa della personalità dello studente) hanno ancora un’aura e si sente o almeno dovrei, poiché fa parte del mio lavoro.

Come ti motivi ad agire? Sono iperattivo per natura, quindi non ci vuole molto, davvero. Spesso parto da cose che non mi piacciono, quindi sono motivato a fare qualcosa per poi godermi il lato positivo dell’azione.

Cosa vorresti cambiare di te? Forse meno attività – Sono davvero iper-attivo; meno impulsività; lascia che gli altri facciano.

Cosa stai facendo per cambiare il mondo? Sono onesto. E faccio davvero le uniche 2 cose che penso di poter fare: l’insegnamento (o più in generale l’educazione) e l’arte. Se provassi a fare lo chef, potrei avvelenare le persone; se provassi ad essere un ingegnere, potrei provocare esplosioni; se provassi a fare il giardiniere, non credo che avrei un giardino. Evita di fare ciò che non puoi fare ed invece coltiva i tuoi doni / talenti è un must ed il primo passo per migliorare il tuo sistema e quello del mondo. 

Le 3 migliori città da visitare: Matera per il passato; Hong Kong per il momento; Amsterdam per il futuro.

3 libri da leggere…Medicus per sognare; Lo scontro degli dei per crescere; una persona anziana con cui parlare e diventare più saggia.

Qual è il tuo cibo italiano preferito? Ho speso il bonus “salta” sulla domanda 13; quindi, pizza!

Hai un soprannome? Josh, Giosy, Jo, J, bu, bubu – a dire il vero, mi rivolgo a qualsiasi persona che mi si rivolga con un suono “G / J”.

Quali sono i tuoi interessi e hobby? Arte e insegnamento.

Quali sono le tue debolezze? Penso troppo.

La cosa più folle che tu abbia mai fatto … Fingere che una mia amica fosse una grande esperta in un campo per farla entrare in un’università molto prestigiosa in cui studiavo. Ce l’abbiamo fatta!

Il giorno più felice della tua vita … Non voglio essere un auto-spoiler, lo sto ancora aspettando – nonostante ciò, ne ho avuti molti.

Cosa ti fa arrabbiare? Bugie. Non flessibilità. Negatività. Ignoranza.

Cosa ti mette in imbarazzo? Tutti gli atteggiamenti che ricalcano le parole nella domanda 23.

Definisci la felicità! Sapere cosa ti piace e farlo. Sapere cosa non ti piace e non farlo.